Daniela Gallo ospite all’Università di Roma “Tor Vergata”, visiting professor nel mese di aprile 2022

Daniela Gallo

Nel mese di aprile la prof. Daniela Gallo (Università di Lorena) sarà visiting professor all’Università di Roma “Tor Vergata”.

 

Daniela Gallo

Attualmente ordinario di storia dell’arte moderna all’università di Lorena, a Nancy, Daniela GALLO ha insegnato in altre università francesi e straniere dopo essere stata ricercatrice alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha cominciato la sua carriera universitaria e dove è stata allieva di Salvatore Settis e di Paola Barocchi. Le sue numerose pubblicazioni concernono la storia dell’antiquaria e dei musei di antichità, la scultura rinascimentale italiana e l’arte neoclassica. Ha rivalutato l’apporto di Stendhal come storico d’arte ed ha co-diretto recentemente a Parigi, all’INHA, un convegno su « Winckelmann e l’opera d’arte », i cui atti sono usciti la scorsa primavera (Winckelmann et l’œuvre d’art, Paris, INHA/éditions des Cendres, 2021, 318 p.). Da qualche anno lavora inoltre sulle strategie espositive intese come fonte per la storia dell’arte e sulla percezione del ritratto, in particolare nel Rinascimento italiano. Con una collega dell’università di Lorena sta curando un volume collettivo consacrato alla definizione e alla percezione del ritratto dall’antichità ad oggi il cui titolo provvisorio è Portraits. Fonctions, perceptions et actualité d’un genre artistique. 

Il corso che la prof.ssa Gallo terrà per gli studenti triennali e magistrali di Museologia e storia del collezionismo (prof. Carmelo Occhipinti) riguarderà il seguente argomento:

Musei di scultura in Europa. XVI-XIX secolo. È soprattutto nei musei di scultura che si manifestano in Europa, tra la fine del XVI secolo e la fine del XIX, le tensioni tra mecenatismo privato e bene pubblico. Quanto ai modelli espositivi, se nel corso del Settecento e sino alle esperienze parigine del Musée Napoléon i musei romani sono un  riferimento importante un po’ in tutta Europa, a partire dalla fine del primo quarto del XIX secolo Londra, Monaco e Berlino diventano i nuovi luoghi dell’avanguardia museografica nel campo della scultura antica. Per le opere più « moderne », il Musée des monuments français di Alexandre Lenoir è un museo straordinario, ma effimero. Soltanto con le iniziative di Possagno e di Copenaghen e con il loro museo consacrato ad un solo scultore, l’attualità nel campo della scultura diventerà un oggetto museale. 

Le lezioni saranno accompagnate da due esperienze museali, una ai Musei Capitolini e l’atra al Museo Pio Clementino. 

 

Museo Pio Clementino

 

 

Massimiliano Griner incontra gli studenti di Tor Vergata: 17 e 23 dicembre 2021

NELL’AMBITO DEL MASTER IN NUOVE TECNOLOGIE PER IL CULTURAL MANAGEMENT, LA COMUNICAZIONE E LA DIDATTICA DELLA STORIA DELLA’ARTE

 

Massimiliano Griner (Rai Storia)

TERRÀ UN CICLO DI LEZIONI SULLA REALIZZAZIONE DI DOCUMENTARI TELEVISIVI

Galleria Borghese. Raccontare un luogo

17 DICEMBRE, ore 9,00-11,00

Ritratti d’artisti. Raccontare persone

23 DICEMBRE, ore 9,00-11,00

Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

LE LEZIONI SI SVOLGERANNO IN AULA T32 (PREVIA PRENOTAZIONE DEL POSTO)

E IN MODALITÀ TELEMATICA SULLA PIATTAFORMA TEAMS. LINK DI ACCESSO: urly.it/3gkac

Massimiliano Griner (Milano, 1970) è autore televisivo (Rai 3, Rai Cultura), sceneggiatore (Taodue, Lucky Red) e storico dell’età contemporanea. Tra i suoi libri Donne di Roma (Rizzoli, Milano, 2017), Anime nere. Storie e personaggi dell’eversione di destra (Sperling & Kupfer, Milano 2014), La zona grigia. Intellettuali, professori, giornalisti, avvocati, magistrati, operai. Una certa Italia idealista e rivoluzionaria (Chiarelettere, Milano 2014), L’aquila e il condor. Le memorie di Stefano Delle Chiaie (Sperling & Kupfer, Roma 2012), Piazza Fontana e il mito della strategia della tensione (Lindau, Torino 2011), I ragazzi del Duce. L’avventura dei fascisti italiani nella guerra civile spagnola (Rizzoli, Milano 2006), La pupilla del Duce. La Legione Autonoma Mobile «Ettore Muti», (Bollati Boringhieri, Torino 2003), La “banda” Koch. Il Reparto Speciale di Polizia (Bollati Boringhieri, Torino 2000).

Giochi di luce nell’arte di Bernini. 14 dicembre 2021: lezione di Leila Zammar (Loyola University Chicago Center – JFRC)

NELL’AMBITO DEL MASTER IN NUOVE TECNOLOGIE PER IL CULTURAL MANAGEMENT

LA COMUNICAZIONE E LA DIDATTICA DELLA STORIA DELLA’ARTE

E DEL CORSO DI MUSEOLOGIA E STORIA DEL COLLEZIONISMO (PROF. OCCHIPINTI)

 

Leila Zammar

(Loyola University Chicago Center – JFRC)

TERRÀ UNA CONVERSAZIONE SUL TEMA

Giochi di luce nell’arte di Bernini

saranno presenti

Donatella Gavrilovich e Carmelo Occhipinti

14 dicembre 2021, ore 14,00 -16,00

Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Dipartimento ALEF, Macroarea di Lettere e Filosofia

LE LEZIONI SI SVOLGERANNO IN AULA T32 (PREVIA PRENOTAZIONE DEL POSTO)

E IN MODALITÀ TELEMATICA SULLA PIATTAFORMA TEAMS. LINK DI ACCESSO: urly.it/3gkac

Leila Zammar dopo aver ottenuto due lauree magistrali presso La Sapienza (una in “lingue e letterature straniere moderne” ed una in “storia della musica”) ed un Master in “Lifelong learning” presso Roma Tre, ha svolto e completato un dottorato di ricerca sulla scenografia barocca presso la University of Warwick (UK). Dal 1995 è professore a contratto presso la Loyola University of Chicago JFRC, dove insegna un corso di Introduzione all’Opera Lirica. Ha tenuto corsi per molte altre Istituzioni italiane e straniere ad ha partecipato a conferenze nazionali ed internazionali fra cui due conferenze annuali della Renaissance Society of America (Berlino, 26-28 Marzo 2015 e Boston, Aprile 2016). Fa parte del comitato scientifico della rivista internazionale Arti dello Spettacolo/Performing Arts ed è membro del SEFER (Society for European Festival Research). Ha pubblicato diversi articoli e libri (vedere https://luc.academia.edu/LeilaZammar). È di prossima pubblicazione, per la casa editrice Brepols, un suo volume intitolato Opera, Scenography and Social Standing: the Barberini Court in Rome 1628–1656