Percorsi formativi

Programmi didattici 2019/2020

 

Il percorso formativo  è articolato in “coorti”: ogni anno inizia una nuova coorte (percorso).Ciò significa che ciascuno studente deve fare riferimento all’anno della sua immatricolazione e seguire fino alla laurea il percorso formativo relativo.Di seguito, lo studente può trovare i percorsi formativi suddivisi per anno di immatricolazione. In allegato il percorso formativo per gli studenti immatricolati nell’a.a. 2017/18

Allegati 2017-2018:
Attività caratterizzanti
ambito disciplinare settore / insegnamento CFU
Discipline storico-artistiche L-ART/01 Storia dell’arte medievale

STORIA DELL’ARTE MEDIEVALE LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ICONOLOGIA E ICONOGRAFIA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELL’ARTE MEDIEVALE LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ART/02 Storia dell’arte moderna

STORIA DELL’ARTE MODERNA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELL’ARTE MODERNA LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ART/03 Storia dell’arte contemporanea

STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
36
Discipline archeologiche e architettoniche ICAR/18 Storia dell’architettura

STORIA DELL’ARCHITETTURA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELL’ARCHITETTURA LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
12
Discipline metodologiche L-ART/04 Museologia e critica artistica e del restauro

STORIA DELLA CRITICA D’ARTE LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELLA CRITICA D’ARTE LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
STORIA DELLA CRITICA D’ARTE LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
MUSEOLOGIA E STORIA DEL COLLEZIONISMO LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
MUSEOLOGIA E STORIA DEL COLLEZIONISMO LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
MUSEOLOGIA E STORIA DEL COLLEZIONISMO LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
METODOLOGIE E TECNICHE D’INDAGINE INNOVATIVA PER LA STORIA DELL’ARTE E IL RESTAURO A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE MOSTRE ED EVENTI 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
12
Totale Attività Caratterizzanti 60

 

Attività affini
ambito disciplinare settore / insegnamento CFU
Attività formative affini o integrative L-ANT/04 Numismatica

NUMISMATICA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ANT/06 Etruscologia e antichita’ italiche

ETRUSCOLOGIA E ANTICHITA’ ITALICHE LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ANT/07 Archeologia classica

STORIA DELL’ARCHEOLOGIA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ANT/08 Archeologia cristiana e medievale

ARCHEOLOGIA CRISTIANA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ARCHEOLOGIA TARDOANTICA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ARCHEOLOGIA MEDIEVALE LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ARCHEOLOGIA MEDIEVALE LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ARCHEOLOGIA CRISTIANA LM A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
ARCHEOLOGIA TARDOANTICA LM B 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)

L-ART/02 Storia dell’arte moderna

STORIA E TECNICA DEL DISEGNO DI EPOCA MODERNA A 6 CFU (NESSUNA CANALIZZAZIONE) (1° anno)
12
Totale Attività Affini 12

 

Altre attività
CFU
A scelta dello studente 12
Per la prova finale 24
Totale Altre Attività 48

 

TOTALE CREDITI 120

Il percorso di formazione del Corso di Laurea Magistrale in Storia dell’arte si articola su un arco biennale.Il percorso biennale prevede un primo anno nel quale lo studente consoliderà e amplierà le proprie conoscenze nelle discipline caratterizzanti e un secondo anno strutturato in modo da consentire un affinamento specialistico delle competenze in vista della prova finale.Rientrano pertanto nel primo anno gli esami caratterizzanti di Storia dell’arte medievale (L-Art/01), Storia dell’arte moderna (L-Art/02) e Storia dell’arte  contemporanea (L-Art/03), di Storia della critica d’arte (L-Art/04),  di Museologia e storia del collezionismo (L-Art/04),  Iconografia e iconologia  e Storia dell’architettura,(Icar 18). Si segnalano da quest’anno 2017/18, per il settore L-Art/01, l’attivazione del corso di Storia dell’arte medievale a Roma e nel Lazio, tenuto dal prof. Valter Angelelli e, per il settore L-ART/03, l’attivazione del corso di Teorie dell’arte contemporanea. tenuto dalla dott.ssa Carlotta Sylos Calò. Rientrano nel secondo anno le discipline affini. Si segnalano da quest’anno l’attivazione di due moduli da 6 CFU di Storia della grafica (L-Art/02), i corsi a scelta dello studente, le “Altre Attività”, inclusi i laboratori  di Fonti per lo studio della storia dell’arte (1 e 2), a cura del prof. Occhipinti (3+3 cfu), il laboratorio di Tecniche e lingiuaggi della grafica contemporanea (1 e 2), a cura del prof. Gallo (3+3cfu), il laboratorio di Diagnostica e tecnologia dei beni culturali, a cura del dott. Fornetti (3 cfu), i tirocini, gli stages esterni e la prova finale.I corsi prevedono un esame di profitto basato su un colloquio orale. Ogni docente però potrà, in itinere durante il corso, prevedere esercitazioni o tesine che completeranno la prova orale. Subito dopo l’immatricolazione lo studente dovrà preparare e compilare il Piano di studi attraverso la propria pagina studente sul Totem. Lo schema del piano ricalca quello del manifesto degli studi previsto per la classe LM-89 Storia dell’arte. L’articolazione del processo formativo è scandita in modo tale da accostare gradualmente lo studente all’impegno professionale dello storico dell’arte e al suo inserimento nel mondo del lavoro. La base formativa poggia sugli insegnamenti costitutivi della storia dell’arte, con particolare attenzione alla trasmissione dei loro contenuti specifici e dei principali orientamenti metodologici; a questi sono affiancati insegnamenti relativi alla storia dell’arte antica e alla storia dell’archeologia, discipline che costituiscono complementi essenziali per la formazione dello storico dell’arte e del suo bagaglio culturale: tra gli insegnamenti affini sono quindi previste materie di approfondimento, tali da integrare il ventaglio delle conoscenze offerte assecondando specifici interessi degli studenti. Per ragioni intrinseche alla natura del CdS, sono considerati elementi fondamentali del percorso di formazione le visite e i sopralluoghi di studio, gli scambi con il mondo dei musei e delle gallerie, le relazioni con la Soprintendenza e gli organismi in generale deputati alla conservazione, alla catalogazione e alla valorizzazione dei beni culturali; tali iniziative accompagnano l’intero percorso biennale, e rappresentano esperienze molto positive per gli studenti.